http://www.antoniothiery.it, aggiornato il 29 febbraio 2016 posta@antoniothiery.it

l’altra storia e l’insostenibile inganno della comunione. SCHEDE PREPARATORIE:

il medioevo, la conoscenza, l’ordine sociale

di Antonio Thiery

appunti sulla falsificazione della storia e della realtà sociale di un meticcio culturale (del tutto estraneo, per motivi genetici di DNA, alla cultura del greco-latinicismo,invece di un ragionamento verbale e concettuale, ne avevo, come le stragrandi maggioranze della gente comune. uno simbolico, fatto di analogia e di percezione) senza dottrina e gerarchie, ma non senza Vangeli e senza Dio, su temi storici medievali, culturali e sociali,  per la democratizzazione della conoscenza e la ridistribuzione dei diritti.

SOMMARIO(clicca qui)

NOTE E COMMENTI del 2014(leggi)

NOTE E COMMENTI del 2015(leggi)

NOTE E COMMENTIDEL 2016(leggi)

 

Il monaco Enzo Bianchi, priore di BOSE, scrive:nessuno sa odiare più delle persone religiose. Perché credono di poter odiare in nome di Dio.

Io quest’odio l’ho conosciuto e subito.

Il logo che accompagna le "schede preparatorie" riproduce un dettaglio del folio 241 (l'uccisione dei figli di Sedecìa) del Commento all'Apocalisse del monaco Beatus, miniato da Magio nel 926 (secondo alcuni nel 945 o nel 952), nei pressi di Leòn, e conservato a New York, alla Morgan Library. Magio, uno dei pittori più significativi del medioevo europeo, è un monaco “agostiniano” nato a Cordoba. Sedecìa, re di Gerusalemme, malgrado gli avvertimenti del profeta Geremia che lo invitava a piegare il giogo al re di Babilonia, si ribellò a Nabucodonosor. Gerusalemme fu cinta d'assedio e fu conquistata. Nabucodonosor punì il re di Gerusalemme facendogli sgozzare i figli sotto gli occhi, che poi gli cavò. Quindi lo legò con catene per condurlo a Babilonia.

Don Zeno Saltini (cfr. F.Marinetti, Don Zeno, Obbedientissimo ribelle, edizioni la meridiana, 2006), rappresentò per molti  (ma  anche questo non si deve dire) uno dei punti di riferimento. Ora i vescovi toscani hanno dato parere positivo all’apertura del processo canonico di beatificazione riconoscendo di fatto che aveva ragione. Il cardinal Bagnasco, a proposito di Nomadelfia, che costò tanti dolori a don Zeno, dice che fu “un’intuizione”. Don Zeno ripeteva:

 “Una religione che, fatte le debite eccezioni fa schifo”…

 “Mons. Pranzini mi diceva: guardati dai preti, perché se ti assalgono sono tremendi. Piuttosto che affrontarli, preferisco soccombere. Me ne hanno fatte di quelle che solo il diavolo saprebbe fare”

 

Ipogeo delle dune a Poitiers, opera merovingica el VII secolo,un esempio di multiculturalità.

Nel lontano 1971, alla fine di una mia lunga lezione sui Longobardi,all’Accademia Nazionale dei Lincei, il Grabar, indiscussa autorità nel campo dell’arte paleocristiana, mi disse:   ha perfettamente ragione. non c’è cosa che io scavi nella Francia merovingica che non sia mozarabica (intendeva dire: multiculturale), ma non lo scriverò mai! L’invenzione della storia comincia da qui. Le produzioni iconiche del V-VIII secolo lette con la cultura del greco-latinicismo sono primitive e grossolane, tozze e gonfie, ma lette nella chiave della cultura europea dell’epoca permettono di riconoscere i segni della grande e raffinata cultura dalla Siria, alla Persia, al Mar Baltico, all’Asia Centrale, all’estremo oriente. Secoli bui, certo a Roma dove forse si praticava il cannibalismo per sopravvivere alla fame, ma secoli d’oro in molte parti del mondo. Si commette un grave errore a risolvere tutto con il greco-latinismo. Certo una grande cultura, ma anche altri popoli hanno pensato.

Non lo scriverò mai. Io l’ho sempre scritto, altrimenti ora sarei miliardario. E' il motivo per cui dal 1963 studio l'ALTO MEDIOEVO, uno dei momenti gloriosi della storia dell'umanità. Il mio cognome è merovingico: ha una radice francese (Theodorus, Dono di Dio)  ed una tedesca (Hilderich,  Childerico: potente in battaglia  o Theodorich, Thude (popolo) Rick (signore): che sta a capo del popolo; potente per il popolo), completamente diverse tra di loro. il mondo è fatto di diversità, che interagiscono; ma che non vanno integrate.

________________________________________________________________

e poi raccontano che la matematica

e le scienze sono state inventate dai greci.

Più di 300.000 anni fa un gruppo di esseri umani perì in circostanze ancora sconosciute. I loro resti rimasero sepolti nelle profondità di una grotta della sierra di Atapuerca, da dove un gruppo di studiosi è riuscito a riportarli alla luce scoprendo, due anni dopo, i fossili di ominidi più antichi dell’Europa. Antenati di un milione di anni fa che vi invitano a viaggiare attraverso la preistoria nel sito archeologico più importante del mondo.Atapuerca segna un prima e un dopo nell’odissea dell’evoluzione della specie umana. Considerato una delle scoperte scientifiche più importanti del XX secolo e dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, il complesso archeologico di Atapuerca, situato ad appena 20 chilometri dalla città di Burgos, custodisce le più numerose e impressionanti testimonianze sulle origini dell’umanità. :

 « Immaginiamo il genere umano tutto intero dall’inizio del mondo sino alla fine, cioè tutta la Chiesa…»”Gregorio Magno, in Cant., 13:.

Gesù disse loro: “Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura”. (Mc 16, 15-18). Predicate il vangelo, non convertite al catechismo e alla teologia della chiesa cattolica o delle altre confessioni che si dicono cristiane, che spiegano le verità della fede con le categorie filosofiche greche.

--mi sbattono la porta in faccia

◊◊   la disonestà apologetica

◊ i consumi culturali: i più bassi d’Europa

◊ 431 concilio di Efeso: vergine immacolata madre di Dio. Da Anhaita (madre di Mitra) alla Madonna (leggi)

INUTILIZZATO, E PERCIO’ INUTILE,  RIFIUTATO;  COSI SI SENTIVA DON EMILIO (LEGGI).

◊ la mia biblioteca è destinata a finire nella spazzatura. Non serve a niente.( leggi)

◊ COSì SI VIVEVA IL Natale con dEmilio (leggi)

Riflessioni sul solstizio d’inverno e sulla caverna cosmica. Il 25 dicembre.(leggi)

bergoglio si chiede: da dove nasce la chiesa? Basta andare a Treviri. (leggi)

PAPA BERGOGLIO NELL’IMITAZIONE DI UN RITO   MITHRAICO

 

Isaia, I,[13] Smettete di presentare offerte inutili,
l'incenso è un abominio per me;
noviluni, sabati, assemblee sacre,
non posso sopportare delitto e solennità.
[14]I vostri noviluni e le vostre feste
io detesto,
sono per me un peso;
sono stanco di sopportarli.

 

 

◊ il labirinto di Chartres degradato a pavimento(leggi)

Il linguaggio della divinità in origine è femminile.Le motivazioni culturali del femminicidio. (scheda della conferenza del 3 ottobre 2013 presso la biblioteca comunale di Frascati) (LEGGI)

◊ il card.Ravasi fa nascere una nuova religione per ricchi, colti,forniti di una logica discorsiva. Il greco è una delle due lingue di dio (!) (leggi)

_suo

 figlio è completamente scemo. Non capisce niente

___________________________________                                                               

La storia? Fatta da grandi falsi”. (Umberto Eco); La caratteristica principale della gente è che è pronta a credere a tutto. D’altra parte come avrebbe potuto la chiesa resistere per quasi duemila anni senza la credulità universale? Umberto Eco ("Il cimitero di Praga", p. 339-340); Compito della “classe specializzata dominante” è quello di “falsificare completamente la storia e di riservare a pochi la conoscenza” (N. Chomsky);

Qualcuno sa spiegarmi perché nella scuola e poi nel lavoro, nella vita, nella società o possiedi o ti converti alla logica razionale o hai vita molto difficile? Se poi sei del tutto privo della  logica razionale, perché così ha voluto il buon Dio, e sai ragionare con una logica simbolica, analogico-percettiva ed una  hai una civiltà estranea al greco-latinismo, allora ti capita quello che è avvenuto a Mathausen (non sei degno, la tua cultura non vale un cazzo, ecc.ecc..). N.Comsky (il potere dei media. Con il saggio «fascismo strisciante», Vallecchi) una risposta ce l’ha: la democrazia, di fatto è riservata solo ad una piccola elitaria «classe specializzata» di «uomini responsabili» che la gestisce utilizzando  la razionalità: una capacità riservata a un gruppo molto ristretto. Soltanto poche persone ne sono dotate. Chi possiede la razionalità deve creare delle «illusioni necessarie» e delle «semplificazioni eccessive» in grado di fare appello alle emozioni per mantenere più o meno «in rotta» gli «ingenui sempliciotti», domando il «branco confuso», delle masse «stupide». Falsificare completamente la storia. E riservare a pochi il sapere.

Il Corano(V,48) ammonisce"A ognuno di voi abbiamo assegnato una regola e una via, mentre, se Iddio avesse voluto, avrebbe fatto di voi una Comunità Unica, ma ciò non ha fatto per provarvi in quel che vi ha dato".

 

Ignorantia mater cunctorum errorum, maxime in sacerdotibus dei vitanda est, qui docendi officium in populis susceperunt. (Isidoro di Siviglia)

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Note e commenti 2013 (clicca qui)

Note e commenti (clicca qui)

EVIDENZA:

-“sono 55! Sono tanti. Ne sento il peso. Spesso ho desiderato di andarmene”.dEmilio Gandolfo, commento alla riedizione del libro LETTERA E SPIRITO di dEmilio Gandolfo (leggi)

-dEmilio

 scrive nel maggio 1970: Una liberazione totale, non soltanto spirituale e religiosa ma anche economica, sociale, culturale e politica.

Dal diario di dEmilio Gandolfo

papa  Bergoglio ha detto: tanti se ne sono andati: hanno perso la fiducia nelle istituzioni politiche perché vedono egoismo e corruzione e hanno perso la fede nella Chiesa, e persino in Dio, per l'incoerenza di cristiani e di ministri del Vangelo.I preti hanno deluso”.Io sono tra quelli che, credente, non entrano più in una chiesa, che, ho imparato, ma lo sapevo da più di 40 anni, non è la chiesa di Cristo, ma di Costantino e del potere. Quando leggo gli scritti o vedo i comportamenti di Claudio, Silvano, Giuseppe, Paolo, Pietro, Daniele ed il trattamento riservato a Marina morente e morta, sono certo che non c’è nulla in comune con la religione che dicono di professare e molto poco con il ricordo di dEmilio, di cui abbiamo raccolto per 40 anni molte sue idee, confidenze  e molti sfoghi di prete scomodo all’interno della sua compagnia. dEmilio INUTILIZZATO, E PERCIO’ INUTILE,  RIFIUTATO; è ricordato non com’era,ma come avrebbero voluto che fosse. Forse ciò è avvenuto per oscurare lo scenario della sua uccisione.

                                                                                                                                                                                                  Di Marina, una credente laica, hanno fatto una donna affetta da bigottismo e tutta presa da sfoghi devozionali.

Lo sapevi, peccare non significa fare il male:

non fare il bene, questo significa peccare.

Quanto bene tu potevi fare! E non l’hai fatto:

non c’è stato un peccatore più grande dì te.

P.P.Pasolini

il 9 aprile nasceva a Roma Marina. Avrebbe compiuto 73 anni.         E’ stata, come scrisse il parroco invitando la comunità ai funerali, fin dai banchi di liceo, la compagna vera, la forza e la voglia di vivere.. Fu fatta morire angosciata e prima del tempo. Poi ne hanno decretato la “damnatio memoriae”.Certo Marina era una donna, e una donna, lo ricorda anche sant’Ambrogio, non è “immagine di Dio”. Perciò provocava, ma non con le gonne corte. Con la sua grande cultura, con l’inesauribile voglia di leggere, studiare, viaggiare, conoscere e di ricercare, con il suo insegnamento, teso a dare ai suoi allievi uno spirito critico, ad essere orgogliosamente se stessi, con il suo radicato laicismo (credente, era alla sequela di un Vangelo sine glossa, senza sacerdoti, né preti, senza dogmi e senza chiese, lei che per parte di madre discendeva da papa Niccolò IV. Il primo papa francescano, aperto all’estremo oriente) con la sua indipendenza, con la sua modestia, con la sua straordinaria libertà.  I suoi alunni ed amici dicevano “is magic”. Tanti interruppero le vacanze in Europa. Profonda conoscitrice della civiltà greco-latina, non a caso era un’archeologa orientale e perciò guardava alle altre culture dell’universo mondo dell’altro ieri, di ieri e di oggi. Preti e buoni cattolici erano impegnati a cancellarne la memoria. Durante i funerali,ad Agosto, con la chiesa affollata, fu persino spogliata della sua identità e dignità, per farne una beghina che era guadagnata la salvezza attraverso la guida spirituale di un prete. Tutto per rendere meno comprensibile lo scenario di un atroce delitto. Aveva un torto: era tra i più credibili e scomodi testimoni e confidenti delle vicende umane, culturali e spirituali di dEmilio Gandolfo, descritto non com’era (INUTILIZZATO, E PERCIO’ INUTILE,  RIFIUTATO: mi sbattono la porta in faccia), ma come avrebbe dovuto essere, e sul cui feroce assassinio non bisognava indagare. Fu definito in modo blasfemo mistero pasquale. E allora bisognava sperare che Marina se ne andasse angosciata il prima possibile. Sembrava di stare a Mauthausen, sbranati da cani feroci, mentre ti gridavano: “la tua cultura  non vale un cazzo”. Del resto la cultura cattolica aiutò non poco il nazismo. Che nausea!

 una scelta s’impone; un’articolo di E.Gandolfo:  Il Vangelo è la buona novella della liberazione dell'uomo in Cristo. Una liberazione totale, non soltanto spirituale e religiosa ma anche economica,

 

la fede non basta. A papa Francesco, e non solo a lui, voglio ricordare che Francesco d’Assisi non si fece mai né prete, né sacerdote e che secondo la chiesa apocalittica giovannea (la chiesa ispano-visigotica)dei primi secoli: Antichistus: Christum credit fide, sed negat opere. Hi testiculi antichristi sunt.

San Beatus è un monaco agostiniano delle Asturie (la festa canonica è il 19 febbraio), di grande cultura, partecipe della corte di Carlo Magno, stimato dal monaco irlandese (“Beato di nome e di fatto”), Alcuino e tra gli autori più letti nel medioevo.                                                                                              

Del resto basta rileggere la Lettera di Giacomo,  cap.2, 14-26, “la fede senza le opere è morta”,

10.5.2013, da www.antoniothiery.it

-------------------------------------------------------------------------------------------------

COME MERAVIGLIARSI DEL FEMMINICIDIO’?

    Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires, nel 2007: afferma: « le Scritture ci mostrano che le donne da sempre supportano il pensare e il creare dell’uomo, ma niente più di questo».

Questa è la tradizione della chiesa: disprezzo per le donne “Le donne servono soprattutto per soddisfare la libidine degli uomini.” Giovanni Crisostomo, 349-407, grande dottore della Chiesa. Papa Francesco è in linea.

NONNO MARIO HA COMPIUTO 100 anni

Nonno Mario, il padre di Marina, il Cav.di Gran Croce Mario Forte, il 19 marzo ha compiuto 100 anni. Per festeggiarlo è venuta anche Giovanna dalla Germania, con il marito Michael ed i figli Emilio Otto, Olivia Lila e Serafin Saffran.

------------------------------------------------------------------------------------------la mia famiglia tedesca .Mia figlia Giovanna con il marito Michael ed i figli Emio Otto, Olivia Lila e Seraphin Safran. Vivono a Stoccarda la seconda città europea per numero di etnie. Sono liberi dall’integralismo cattolico.

natale 2014

Le mie fonti: Queste immagini sono tratte dall’atlante che io usavo negli anni 50 alla scuola media pubblica, scritto dal. geografo Sebastiano Crinò, nato a Barcellona Pozzo di Gotto nel 1877 e morto a Firenze nel 1955. Perché si continua a mistifica la storia facendo credere che “il mondo fino allora conosciuto” dai romani coincidesse sostanzialmente con il bacino del Mediterraneo e con il mondo greco-latino, abitato solo da una piccola parte dell’umanità?

  

  Popolazione nel mondo. (da J.N. Biraben An essay concernig mankind’s evolution, in «Populatinon», 4, ppl-13, 1980, ripresa da L.L.Cavalli-Sforza, P. Menozzi, A.Piazza, Storia e geografia dei geni umani, Adelfi, Milano 1997 (1994)). La tabellina è aggiornata con i dati reperibili al 2002.

Popolazione nel mondo anno

400 a.C.

1 d.C.

500

CINA

25

70

32

INDIA, Pak.,Bangl.

30

46

33

GIAPPONE

1       

2

5

ASIA SUDOCCID.

                 43

49

53

ASIA EX URSS

3

5

8

RUSSIA

13

12

11

EUROPA

23

35

29

AFRICA SETT.

10

14

11

Resto AFRICA

7

12

20

AMERICA settentrionale

1

1

2

AMERICA centr.e merd.

5

8

11

OCEANIA

1

1

1

totale

 162

255           206        

 

              dalla vulva alla mandorla                                         

NICEA E I SASANIDI (LEGGI)

 

 

 

Va ricordato che nel Vangelo non si parla neppure un volta di sacerdozio.

P.Gauthier. il velo si squarciò, p.173 scrive:

“Rivestendo l’abito del Gran Sacerdote, la “guida”, il “dirigente”, il “presidente” della comunità cristiana, ne era diventato il “gran sacerdote” e la Cena si trasformava in “Santo Sacrificio”. L’Antica Alleanza riassorbiva così la Nuova. A Roma, dopo Costantino, il papa erediterà dall’imperatore in declino il titolo di “Summus Pontifex”, Sovrano Pontefice, capo supremo della religione ufficiale. Così, a partire da Gerusalemme e da Roma, il sacerdozio entrerà nella Chiesa. E quando, dal 1941 al 1971, per celebrare la Messa, il Santo Sacrificio, rivestivo i paramenti sacri (amitto, camice, cingolo, manipolo, stola, casula), indossavo anch’io le vesti dei preti ebrei e di tutti i sacrificatori. Non avevo ancora capito che commettevo un “sacrilegio” contro la Nuova Alleanza, che aveva abolito tutti quei sacerdozi...

Il sacerdozio è assente dalla parola, dalla prassi, dal pensiero di Cristo. Gli è addirittura contrario. E’ stato introdotto nella Chiesa molto tempo dopo la morte degli apostoli.(p.192)…

Quel convito di liberazione del popolo e di condivisione fraterna è divenuto un “sacrificio”, contro la stessa volontà di Gesù che ha detto: “Sono venuto ad abolire i sacrifici e se non smettete di fare sacrifici la collera sarà vicino a voi” (20), e che per ben due volte (Mt. 9, 13; Mt. 12, 7) ricorda le parole del profeta Osea: “Desidero la misericordia e non il sacrificio” (6,6)....

Gesù ha detto che non dobbiamo avere né Rabbi, né Padre, né Dottore, poiché abbiamo un solo Cristo (Mt. 23,8)”.

Ha senso la figura del sacerdote nell'orizzonte cristiano? Nel Vangelo il termine non è mai usato in riferimento ai discepoli di Gesù. I sacerdoti sono sempre la controparte, connotati con un giudizio negativo, sino all'insulto. I Vangeli tra il II ed il IV secolo furono manipolati. Molto fu tolto e molto fu aggiunto. Molti, quelli che non accettano le categorie filosofiche greche, furono anatemizzati e scomparvero.

A.Thiery 11.11.2012, festa di san Martino                                                                                                                   

_                              ____________________________________________________________________________________________________________________________________________                                                         questo sito non costituisce testata giornalistica, ed è aggiornato secondo le disponibilità. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale a carattere periodico, ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001. Il materiale del sito è gratuito ed è pubblicabile citando la fonte. Se trovate qualcosa che violi le leggi vigenti in materia di diritti d’autore, comunicatelo e provvederò tempestivamente a rimuoverlo. posta@antoniothiery.it